Maggio dice:

“Voglio fare con te ciò che la primavera

fa con i ciliegi”

                                                                          (Pablo Neruda)